Le schede delle meduse

Aequorea forskalea

Poco urticante

Piccola e innocua perché priva di cnidocisti pericolose per noi.

Habitat
Mai molto abbondante lungo le nostre coste, anche se localmente può presentarsi in grosse concentrazioni.

Come riconoscerla
E' un’idromedusa che gemma da forme polipoidi che vivono sul fondo marino. Non ha grandi dimensioni: raggiunge al massimo 10 cm di diametro. Si distingue facilmente dalle altre meduse per i tantissimi canali radiali che congiungono il centro e il margine dell’ombrello appiattito. La bocca e il manubrio sono inseriti in un bulbo gelatinoso che parte dal centro dell’ombrello e si proietta verso il basso. Ha permesso l’isolamento della proteina verde fluorescente (GFP), una sostanza alla base della fluorescenza di molte meduse. La scoperta di questa proteina ha permesso di sviluppare nuove tecniche per la diagnosi di malattie e la ricerca nel campo della biologia molecolare.  Questa scoperta ha portato ad applicazioni in campo diagnostico, permettendo di marcare specifiche linee cellulari. La scoperta della GFP è valsa ai ricercatori americani Osamu Shimomura, Martin Chalfie e Roger Tsien il premio Nobel per la chimica nel 2008.

Aurelia aurita

Poco urticante

Il veleno di Aurelia è innocuo per l’uomo e questa medusa può essere toccata (in Cina è persino un piatto molto popolare (Guarda i piatti etnici più strani del mondo)) anche se come tutte le meduse è molto delicata e i contatti possono danneggiarla.

Habitat
Aurelia vive in tutti gli oceani dell’emisfero settentrionale, dove può essere molto abbondante.

Come riconoscerla
L’ombrello misura 30-40 cm, ha tentacoli sul margine, il corpo è discoidale, biancastro, con gonadi disposte in quattro cerchi visibili in trasparenza. Il manubrio ha quattro lunghe braccia orali. Molti canali radiali collegano il centro e la periferia dell’ombrello. A differenza di altre specie, molto più delicate, questa medusa vive bene in acquario e quindi può essere osservata negli acquari marini di tutto il mondo.

Carybdea marsupialis

Urticante

Carybdea marsupialis è un cubozoo, come le meduse mortali per l’uomo che abitano lungo le coste australiane. Fortunatamente il suo non è un veleno mortale: le sue punture sono molto dolorose, ma gli intensi effetti sono brevi.

Habitat
Presente nelle aree più settentrionali dei mari italiani, sempre più frequente lungo le nostre coste. Carybdea è attratta dalla luce e si avvicina alla costa durante la notte

Come riconoscerla
Molto piccola, trasparente, con l’ombrello cubico che misura dai 4 ai 5 cm circa, è armata da 4 lunghi tentacoli. Nuota in modo molto vigoroso e si sposta facilmente. Come Pelagia è tipicamente mediterranea e tra le meduse più urticanti dei nostri mari.

Cassiopea andromeda

Urticante

Non è pericolosissima, ma è meglio non toccarla perché produce muco nel quale sono presenti le cellule urticanti, e se si entra in contatto con quest'ultimo, si possono avere irritazioni.

Habitat
Entrata in Mediterraneo dal Canale di Suez, sta risalendolungo le coste turche. All’inizio del 2010 è stata segnalata a Malta, e quindi è arrivata alle porte di casa nostra. Di solito si trova su fondi sabbiosi, ma può essere presente anche su quelli rocciosi.

Come riconoscerla
Piccola, massimo 30 cm, sta posata sul fondo marino. L'ombrello è rivolto verso il basso, mentre bocca e tentacoli verso l’alto: per questo Cassiopea viene chiamata in inglese "medusa al contrario". Sta rivolta verso l’alto perché possiede alghe unicellulari come quelle dei coralli delle formazioni coralline che vivono in simbiosi con la medusa e che quest'ultima deve esporre alla luce che filtra nell'acqua.

Catostylus tagi

Urticante

Non punge molto, ma è meglio comunque non toccarla.

Habitat
È comune lungo le coste del Portogallo e in genre in tutt l'Atlantico, ma in Mediterraneo non era mai stata avvistata. Maria Ghelia l'ha fotografata nelle acque di Pantelleria nel 2010.

Come riconoscerla
Simile alla Rhyzostoma pulmo ma non ha il tipico bordo violetto. È molto bella e, in alcuni paesi, viene usata per scopi alimentari.

Chrysaora hysoscella

Urticante

Simile alla Pelagia ma molto meno urticante.

Habitat
Vive in Atlantico e si spinge molto a Nord, per esempio nei fiordi norvegesi, dove può raggiungere grandissime densità. In Mediterraneo non è abbondante ma frequente.

Come riconoscerla
L’ombrello può raggiungere i 30 cm di diametro, il manubrio (la parte centrale dove c'è la bocca della medusa) presenta quattro braccia orali che possono raggiungere anche un metro di lunghezza. La faccia superiore dell’ombrello è decorata con 16 bande a forma di V che partono dal centro dell’ombrello e raggiungono il margine, dove sono presenti 24 tentacoli, in gruppi di tre.
Si tratta di un animale molto elegante, un soggetto perfetto per la fotografia subacquea.

Cotylorhiza tuberculata

Poco urticante

Innocua per l’uomo, anche se è bene non toccarla, e per le sue caratteristiche probabilmente innocua alla maggior parte dei pesci. Come Rhizostoma, è spesso associata a pesci più o meno grandi che la adottano come rifugio.

Habitat
Molto abbondante nel Mediterraneo, specie nelle baie. Nel 2009 è stata frequente nei mari italiani più meridionali, quasi a mostrare una preferenza per le acque più calde.

Come riconoscerla
Una delle più belle meduse del Mediterraneo: l’ombrello può misurare anche 30 cm, è molto rigido e tondeggiante al centro, dove ha colorazione rossastra o gialla. La parte più esterna è mobile e la fa procedere con le sue vigorose pulsazioni. Sotto l’ombrello, il manubrio assomiglia a un bouquet di fiori di campo, con bottoni blu-viola, inseriti su tozze braccia. Alcuni tentacoli, anch’essi terminanti con bottoni blu, fuoriescono dal manubrio.
Cotylorhiza può presentare microalghe che vivono in simbiosi sui propri tessuti, proprio come i coralli delle formazioni coralline tropicali. Funzionalmente, quindi, si può definire una "pianta" anche se si può nutrire di zooplankton.

Drymonema dalmatinum

Molto urticante

Fortemente urticante e pericolosa dato le sue grandi dimesioni.

Habitat
Heckel, un grande naturalista tedesco, la descrisse per la prima volta nel 1880: una grande medusa nelle coste della Dalmazia, in Adriatico, e la chiamò Drymonema dalmatinum. Per molti anni quella descrizione fu l'unica testimonianza della esistenza di questa specie, ma nel 1940 un altro ricercatore (Stiasny) la ritrovò, sempre sulle coste orientali dell'Adriatico. Poi più nulla, per decenni. Fino a quando Drymonema non diventò un flagello, per qualche tempo, lungo le coste di Puerto Rico. Ora è riapparsa lungo le coste croate e quindi potrebbe facilmente arrivare in acque italiane.

Come riconoscerla
Drymonema è una specie molto rara, molto simile alla medusa più grande del mondo, la Cyanea capillata dei mari nordici che raggiunge anche i 2 metri. Anche Drymonema è di notevoli dimensioni: può arrivare fino a 1 metro di diametro ed è la più grande medusa del Mediterraneo.
Come è possibile che un animale così grande possa passare inosservato per decenni? Probabilmente trascorre questi lunghi periodi sul fondo del mare, in forma di piccoli polipi attaccati alle rocce. I polipi possono vivere (come piccoli coralli) per decenni e poi, all'improvviso, produrre meduse. A volte poche, quel tanto che basta per formare nuovi polipi con i processi riproduttivi. Ma se le condizioni diventano favorevoli, le meduse possono diventare miliardi.

Marivagia stellata

Poco urticante

Scoperta nel 2010 lungo le coste di Israele, dalla ricercatrice Bella Galil. Proviene dal Mar Rosso, ed è entrata in Mediterraneo attraverso il canale di Suez, ma nessuno prima l'aveva vista. Il nome della specie (stellata) deriva da macchiette rossastre a forma di stella che adornano l'ombrello. Per il momento è presente solo nel Mediterraneo Orientale, ma potrebbe espandersi e arrivare fino a noi. Non è molto urticante. Se la vedete, è necessario che forniate una foto, per confermare la segnalazione.

Mnemiopsis leidyi

Poco urticante

Gelatinosa come gli cnidari, ma non ha cnidocisti e quindi non è velenosa. Innocua per l’uomo, ma molto dannosa per per l’ecosistema marino.

Habitat
Arrivata nel Mar Nero negli anni ‘80 trasportata dalle acque di zavorra delle petroliere americane, è rimasta confinata in quel bacino per decenni. Nel 2009, però, è entrata in grandi quantità in tutto il Mediterraneo e ora ha invaso la laguna di Orbetello.

Come riconoscerla
Mnemiopsis leidy è uno ctenoforo, un organismo gelatinoso lungo poco più di 10 cm e con il corpo lobato di forma ovale. Non nuota con le pulsazioni del corpo (come fanno le meduse), ma è dotato di otto bande ciliate che, battendo, fanno da propulsori. Nel Mar Nero, dove l’ecosistema era già indebolito da inquinamento e sovrappesca, Mnemiopsis leidyi ha depauperato le risorse ittiche mangiando le uova e le larve dei pesci (e anche le prede planctoniche delle larve stesse). Non si sa se il suo impatto nel Mediterraneo sarà come quello subito dal Mar Nero ma gli effetti sono subdoli, perché questi predatori non fanno scomparire i pesci con la loro presenza bensì i futuri pesci.

Olindias phosphorica

Urticante

Leggermente urticante, quel tanto che basta per rovinare una giornata.

Habitat
Negli anni scorsi è stata molto abbondante lungo le coste della Tunisia e ha causato problemi all’industria del turismo. Nel 2009 la presenza di queste meduse lungo le nostre coste è stata sporadica. Non formano mai banchi estesi, ma possono essere localmente abbondanti.

Come riconoscerla
Come Aequorea forskalea è un’idromedusa ma a differenza di quest'ultima è urticante e più piccola: arriva a 6 cm. Gemma lateralmente da forme polipoidi che vivono fissate al fondo. Dopo un periodo di riposo, batte vigorosamente l’ombrello e sale verso la superficie, per poi lasciarsi cadere di nuovo verso il fondo con i tentacoli espansi. Durante la discesa la medusa pesca e cattura il plancton di cui si nutre. Vedendole salire dal fondo. si ha l’impressione che queste meduse ci stiano attaccando ma non è così.

Pelagia noctiluca

Urticante

Habitat
Nei primi anni Ottanta Pelagia è stata molto abbondante nel Mediterraneo, poi è scomparsa e riapparsa a intervalli più o meno decennali, ma dal caldissimo 2003 la sua presenza è quasi costante nel Mediterraneo occidentale. Pelagia, in piena estate, può formare dei banchi estesi che flagellano le coste anche per mesi.

La stragrande maggioranza delle punture di meduse sono ascrivibili a questa specie. 

Come riconoscerla
L’ombrello misura circa 10 cm, è armato di otto lunghi tentacoli che, estesi, possono raggiungere anche i dieci metri. La bocca è dotata di otto lunghe braccia orali, il colore del corpo è violetto. I banchi sono molto fitti e se arrivano a un impianto di maricoltura, i pesci in allevamento possono essere uccisi. Dato che le meduse mangiano anche uova e larve di pesci, l’impatto sugli stock ittici e sulla pesca può essere devastante.

Phyllorhiza punctata

Poco urticante

Come Rhizostoma, non infligge punture dolorose e quindi non costituisce una minaccia per i bagnanti.

Habitat
Originaria dell’Australia. Nel 2009 un esemplare è stato visto per la prima volta lungo le coste italiane, precisamente all’isola di Tavolara, in Sardegna

Come riconoscerla
Biancastra e coperta di macchie bianche, da cui il nome: una medusa a pois. Appartiene alla stessa famiglia di Rhizostoma, in comune con la quale ha le dimensioni (anche più di 50 cm) e la struttura generale. Si nutre di plancton di crostacei e, probabilmente, di uova e di larve di pesci: è dunque sia un predatore che un competitore dei pesci e può causare l'impoverimento dei mari. Qualche anno fa ha invaso le coste della Florida, causando un improvviso crollo della fauna marina.
Come Rhizostoma, è commestibile.

Physalia phisalis

Urticante

Chi viene colpito raramente vede l’animale, sente solo una fortissima scarica. In alcuni casi, l’incontro con Physalia può essere fatale. L’estate scorsa, alcuni bagnanti colpiti da Physalia sulle nostre coste sono stati ricoverati in ospedale.

Habitat
Physalia, pur essendo stata segnalata anche in passato, non si incontra di frequente. Nel 2009, però, ha colpito diverse volte nel Mediterraneo Occidentale, in Corsica, in Liguria e lungo le coste della Toscana. Gli esemplari di Physalia (detta anche Caravella portoghese) non vivono in sospensione nell’acqua, ma galleggiano sulla superficie del mare. Inoltre non sono individui singoli, come le meduse, ma sono colonie.

Scheda
Physalia non è propriamente una medusa, ma una colonia di forme polipoidi e medusoidi che coesistono.
Una grande vescica piena di gas, detta pneumatofora, fa galleggiare la colonia composta da polipi dotati di bocca, che ingeriscono le prede, e polipi armati di cnidocisti dotate di un potentissimo veleno, molto efficace anche nei nostri confronti. La pneumatofora di Physalia può misurare 15 centimetri, ma i tentacoli possono raggiungere anche i 20 o 30 metri, se completamente estesi.

Rhizostoma pulmo

Poco urticante

I tentacoli sono corti e non sono armati di cnidocisti pericolose per noi. Non ci può far male, e guardarla nel suo ambiente è uno spettacolo.

Habitat
Vive in abbondanza lungo le nostre coste. Queste grandi meduse, spesso presenti in grandissima quantità, diventano dei microcosmi utilizzati da altri organismi e quindi riparo per pesci che vengono trasportati dalle correnti. tra le sue braccia orali si possono trovare anche piccoli granchi che vivono comodamente.

Come riconoscerla
La medusa più grande del Mediterraneo  (dopo Drymonema): il diametro del suo ombrello può arrivare a 60 cm e può pesare fino a 10 chili. Il colore è bianco, con un orlo blu lungo il margine dell’ombrello. Il manubrio è grande: assomiglia a un cavolfiore bianco. Non ha una sola grande bocca, ma tante piccole bocche.
Il portamento di Rhizostoma è maestoso, le pulsazioni sono lente e possenti. Per molti popoli del sud est asiatico, soprattutto i cinesi, è un piatto prelibato.

Rhopilema nomadica

Urticante

Fortemente urticante, può essere confusa con Rhizostoma (che è innocua) ma si riconosce perché non ha il caratteristico bordo blu dell’ombrello.

Habitat
Il genere Rhopilema è tipico dell'oceano Indiano e Pacifico e non ha rappresentanti atlantici né mediterranei. Non è mai arrivata nei mari italiani, forse perché le temperature non sono abbastanza alte per questa specie tropicale. Negli anni '80 una specie di Rhopilema è diventata improvvisamente molto abbondante lungo le coste israeliane del Mediterraneo: si ipotizza che sia migrata all’interno del Mediterraneo a partire dal Mar Rosso, attraverso il Canale di Suez (da qui il nome di nomadica). Nel Mar Rosso ha causato molti danni alla pesca e al turismo.

Come riconoscerla
Le dimensioni non la fanno passare inosservata: può raggiungere gli 80 cm di diametro dell’ombrello e di solito forma sciami estesi. Come detto, Rhopilema non sopravvive a temperature simili a quelle del Mediterraneo occidentale anche se il riscaldamento globale potrebbe spianare la strada all’espansione di questa medusa.

Salpa democratica

Poco urticante

Come tutti i taliacei (forme erbivore che filtrano l’acqua marina attraverso le loro branchie coperte di muco che intrappola il fitoplancton e i batteri), le salpe non hanno né cnidocisti né colloblasti. Sono quindi innocue per noi ma ci danneggiano perché la loro presenza impoverisce il mare.

Habitat
Le salpe democratiche formano banchi molto estesi che si sviluppano lontano dalla costa.

Come riconoscerla
Salpa democratica si chiama così perché può formare lunghe catene di zooidi a forma di barilotto, con una evidente macchia arancione ben visibile in trasparenza. Le catene (o colonie) possono essere lunghe anche 6 metri. Le esplosioni demografiche di questi animali sono improvvise e durano solo pochi giorni.

Velella velella

Poco urticante

Assolutamente innocua per l’uomo, anche se è bene non toccarla.

Habitat
Comune in Mediterraneo, non vive in sospensione nell’acqua, ma galleggia sulla superficie del mare. Può essere presente in sciami enormi e lunghi anche diversi chilometri. Inevitabilmente trovano una costa, e spiaggiano, ma questo di solito avviene alla fine del ciclo, quando le meduse si sono staccate dalle colonie.

Come riconoscerla
Detta anche “barchetta di San Pietro”, non è una medusa ma una colonia galleggiante di polipi. La colonia è di circa 3-7 cm, e i polipi blu sono attaccati a un galleggiante chitinoso munito di una "vela" che porta la colonia a spasso con l’aiuto del vento.
La colonia, verso la fine della sua vita che dura pochi mesi, produce meduse di pochi millimetri, gli adulti sessuati, che con la fecondazione produrranno altre colonie galleggianti di polipi.